www.rotte.info: periodico indipendente d'informazione del paese di Grotte (provincia di Agrigento).

Grotte.info Quotidiano - Gennaio 2020

Home

>

Notiziario

>

Gennaio 2020

MESSAGGI DAI LETTORI

 

13/01/2020

Poesia. "La luce di un volto amico", di Giorgio Infantino

 

Giorgio Infantino
Giorgio Infantino

Riceviamo e pubblichiamo.

LA LUCE DI UN VOLTO AMICO

Penso che lo sappiate
amici cari,
che non è possibile
vivere senza amore,
senza ricevere
un atto di bontà
che riscalda il cuore.

C’è tanta gente
accanto e intorno a noi,
che ha bisogno
del nostro amore
per rimanere in vita,
per iniziare una nuova giornata,
per sopportare per ventiquattro ore
la propria sorte disperata.

Succede spesso, amici cari,
che nell’esistenza
di tante persone,
si è spenta ogni speranza,
c’è buio fitto
anche se splende il sole.

E senza quella fiammella delicata,
qualcuno rischia
di smarrire la strada,
cedere alla paura di affrontare
un’altra terribile giornata.

C’è sempre qualcuno
accanto e intorno a noi
che ha bisogno della luce
di un volto amico,
di un po’ d’amore
e un sorriso.

Chissà che poi
porgendogli la tua mano,
lui non ricambi
il tuo gesto d’amore
e dica: Sì, sono ben lieto,
vienimi a trovare per favore?

                    Giorgio Infantino (da Wolfsburg - Germania)
                           © Riproduzione riservata.
 

 

Torna alla home page Torna su

Per intervenire su questo articolo: "Contattaci" o invia una "E-mail"

Seguici su Segui "Grotte.info Quotidiano" su Facebook


03/01/2020

Poesia. Omaggio a Franco Franchi, di Gianni Russello

 

Gianni Russello
Gianni Russello

Vorrei rendere omaggio a Franco Franchi, comico siciliano che insieme a Ciccio Ingrassia ha reso la Sicilia famosa in tutto il mondo. Franco Franchi ha regalato a tutti i siciliani nel mondo una poesia, da lui interpretata in canzone, dal titolo “E vulannu vulannu vulannu”. La propongo ai miei concittadini.
Gianni Russello


E VULANNU VULANNU VULANNU

O comu chianciu di sta vita mia
ca na sta terra nun trova la paci,
lassu li carni e sti lacrimi mia
e cu lu ventu mi vaiu vulannu.
Sì, e vulannu vulannu vulannu in cielo mi perdo, finisce accussì.

Sì, e vulannu vulannu vulannu lu munnu mi scordu,
nun pensu chiu.
Sì, e vulannu vulannu vulannu in cielo mi perdo, finisce accussì.
Sì, e vulannu vulannu vulannu la vita finì.

Chi vita amara pi cu servi amuri.
Poi la paci e trova li duluri.
Chista è la terra di l’odio e della viltà,
Ti suca u sangu e po ti fa vulari.
O comu lu fumu va sta vita mia,
Iornu pi ghiornu lu fuocu si squaglia,
l’aria m’abbruscia e l’acqua poi m’astuta,
e cu lu ventu mi vaiu vulannu.

Sì, e vulannu vulannu vulannu  in cielo mi perdo, finisce accussì.
Sì, e vulannu vulannu vulannu lu munnu mi scordu,
nun pensu chiu.
Sì, e vulannu vulannu vulannu in cielo mi perdo, finisce accussì.
Sì, e vulannu vulannu vulannu la vita finì
.

                    Francesco Benenato (Franco Franchi)
                           © Riproduzione riservata.
 

 

         

Torna alla home page Torna su

Per intervenire su questo articolo: "Contattaci" o invia una "E-mail"

Seguici su Segui "Grotte.info Quotidiano" su Facebook

www.rotte.info

Copyright © 2002-2020