www.rotte.info: periodico indipendente d'informazione del paese di Grotte (provincia di Agrigento).

Territorio

Home Territorio Storia Eventi Chiesa Comune Partiti Scuola Salute Associazioni
Aziende Notiziario Vigili Carabinieri Posta Trasporti

Stradario

Il paese di Grotte si trova in Italia, in Sicilia, nella provincia di Agrigento.

Ospitalità

Posizione di Grotte in SiciliaCoordinate geografiche: Latitudine 37° 24' N, Longitudine 37° 30' E.
Altezza sul livello del mare: m. 455 (minima), m. 573 (massima).
Come raggiungere Grotte: 
- in auto, da Palermo (Km 130), seguire la strada statale 189
                Palermo - Agrigento sino al bivio per Aragona, poi seguire le
                indicazioni per Grotte;
- in auto, da Catania (Km 150), seguire l'autostrada Catania-Palermo sino all'uscita per 
                Caltanissetta, proseguire sulla strada a scorrimento veloce 640 Caltanissetta - Agrigento 
                sino al 3° bivio per Racalmuto, poi seguire le indicazioni per Grotte;
- in treno, per la stazione di Grotte (da Palermo, sulla linea  Palermo - Aragona - Grotte; 
                 da Catania, sulla linea  Catania - Caltanissetta - Canicatti - Grotte);
- in aereo, gli aeroporti più vicini sono quelli di Palermo e di  Catania.

 

In questa pagina:

 Torre del Palo Visita l'argomento
  Il Calvario Visita l'argomento
 Fontana Visita l'argomento
 Palazzo Comunale Visita l'argomento
L'Orologio Visita l'argomento

Monumento ai Caduti Visita l'argomento

 Stazione Ferroviaria Visita l'argomento


LA TORRE DEL PALO
La torre del paloNel 1471 Giovanni II d’Aragona concesse al Barone Montaperto l’autorizzazione a costruire “... una turri seu fortiliziu cum soi barbacani, baglu et merguli per tutela et defentioni di li persuni coversanti in dictu fegu”. La torre di guardia, provvista di merli, venne costruita nella parte più alta del territorio. Nel 1627 il Barone Gaffore acquistò dal vicerè l'autorizzazione all'esercizio della giustizia penale (eLa torre negli anni '30 ad innalzare nel paese... "furcas, perticas, palos..."); fece perciò erigere,  come monito, accanto alla già esistente torre, un palo. Da allora la torre venne chiamata "Torre del palo". La torre tuttora esistente è ciò che rimane dell'edificio originario dopo uno scriteriato “restauro”.

Torna su


IL CALVARIO
La ripida scalinata del CalvarioRisalente al 1688, il Calvario si inerpica su un ripido colle alla cui sommità sorgeva una chiesetta, andata distrutta. Al suo posto oggi vi è una cappelletta. Il tracciato del Calvario si innalza con una scalinata sempre più ripida, fiancheggiata da cipressi, a cui si accede dalla via principale del paese. Nel 1980 è stato arricchito da quadri artistici rappresentanti le stazioni della via crucis e collocati ai lati della salita. Aperto al pubblico durante la maggior parte dell'anno, è visitato in particolare durante la festa di Pasqua Visita l'argomento. Durante la settimana santa vi si svolgono diversi riti tradizionali: la veglia del giovedi santo; la "recita" del venerdi santo e parte della processione dell'urna del Cristo crocifisso accompagnata dai tradizionali "lamenti".

Torna su


LA FONTANA
La FontanaUn motivo che favorì la nascita di un centro abitato a Grotte fu  la presenza di una sorgente d'acqua.
E' questa la "fontana" da cui prende nome l'omonimo quartiere.
La fontana reca, come motivo ornamentale, lo stemma nobiliare dei "La Grua Talamanca", titolari del Ducato di Grotte.
Con il passare del tempo, dello stemma è rimasta solo qualche traccia. Fatta più volte oggetto di rimaneggiamenti, la struttura originale è rimasta tuttavia invariata.
Un attento lavoro di ricerca dalle varie fonti (foto dei primi del 1900, stampe e disegni antichi, racconti pervenuti dalla tradizione orale) ha consentito di approntare un attento restauro che, terminato nel 2004, ha portato a far rivivere il primitivo splendore della fontana e della piazza in cui è collocata.

Torna su


IL PALAZZO COMUNALE
MunicipioCostruito verso la fine del 1500, in origine fu convento dei Frati Carmelitani e successivamente dei Padri Scolopi. In seguito alla nazionalizzazione dei beni ecclesiastici divenne sede del Comune di Grotte, funzione che continua a mantenere sino ad oggi. Nonostante ne sia cambiata la destinazione, il palazzo continua a mantenere gli elementi stilistici ed architettonici originari, che gli conferiscono un fascino particolare.

Torna su


L'OROLOGIO
L'orologio visto da Piazza MarconiE' una delle caratteristiche di Grotte. Collocato su una torre quadrangolare a forma di campanile, si  eleva sui tetti del quartiere e segna ogni quarto d'ora, con le sue campane, il trascorrere del tempo. Ristrutturato di recente, vi è stata aggiunta, su due lati, una copertura trasparente e ne è stata migliorata l'accessibilità per la manutenzione.

L'orologio visto dal Calvario

Torna su


IL MONUMENTO AI CADUTI
Monumento ai caduti di tutte le guerreDopo la fine della prima guerra mondiale, il Comune di Grotte (con una delibera del 30/04/1919), decise di erigere in Piazza Umberto I (già Piazza del Plebiscito) un monumento in memoria dei suoi 91 caduti, i cui nomi vennero incisi su stele marmoree e collocate sulla facciata dell'orfanotrofio delle suore del Boccone del Povero (già carcere mandamentale; edificio non più esistente sito nell'area dell'attuale Villetta Collodi). Il monumento venne inaugurato nel 1935 alla presenza del Prefetto di Agrigento e del reduce grottese Capitano Luigi Smiroldo.  Tre stele marmoree in onore dei caduti grottesi

Torna su


La stazione ferroviaria                                                    STAZIONE FERROVIARIA
E' situata al confine del territorio comunale. Da essa partivano i nostri emigranti in cerca di fortuna. Ancora oggi, purtroppo, i nostri giovani da essa partono in cerca di lavoro. Li vediamo andar via, magari dopo aver conseguito brillanti risultati accademici, confortati solo dal detto popolare: "cu nesci, arrinesci" ("chi esce, riesce" cioè "chi va via si fa un avvenire").

Torna su

 

www.rotte.info

Copyright © 2002-2017